ULTIM'ORA

ULTIM'ORA

In piazza per l'Egitto: le proteste nel mondo

Lettura in corso:

In piazza per l'Egitto: le proteste nel mondo

Dimensioni di testo Aa Aa

Dalla Giordania al Pakistan, passando per il Marocco e il Sudan: manifestazioni di condanna alla repressione dell’esercito e di solidarietà agli islamisti di Morsi travalicano ormai i confini egiziani, estendendosi ben oltre il Medioriente.

Fulcro della protesta, a Gerusalemme, è stata la Moschea di Al Aqsa. Qui, fra vessilli di Hamas e paragoni del generale Al Sissi a Hitler, le preghiere del venerdì si sono tramutate in vere e proprie manifestazioni.

Solidarietà alla formazione del deposto presidente egiziano è arrivata anche dal leader di Hamas.

Parlando da una moschea di Gaza, Ismail Haniyeh ha però escluso un qualsiasi intervento in Egitto: “Mantenere dei legami intellettuali e ideologici con i Fratelli Musulmani è una cosa – ha detto -, e una cosa di cui andiamo orgogliosi. Un’altra cosa è invece interferire negli affari interni di un paese”.

Qui a Karachi, scesa in piazza come altre città pakistane, al sostegno per i Fratelli Musulmani si è sposato anche un acceso anti-americanismo.