ULTIM'ORA

ULTIM'ORA

Il Giappone commemora la fine della II Guerra mondiale

Lettura in corso:

Il Giappone commemora la fine della II Guerra mondiale

Dimensioni di testo Aa Aa

Un anniversario teso. Anche quest’anno le commemorazioni per la fine della Seconda Guerra mondiale in Giappone risvegliano le cotroversie con Cina e Corea del Sud. L’imperatore Akihito e la consorte hanno presenziato alla cerimonia nell’arena Nippon Budokan, dove il Premier Shinzo Abe ha pronunciato il suo discorso:

“Il Giappone non dimenticherà mai che la pace e la prosperità di oggi sono costruite sui sacrifici di tante vite”. Poche parole che sono di per sé una piccola rivoluzione: il premier non ha espresso rammarico per i morti della guerra, come è consuetudine.

Shinzo Abe ha evitato comunque la visita al santuario di Yakasuni, considerato dai paesi occupati dal Giappone durante la Seconda guerra mondiale, un tributo a criminali di guerra.

Quest’anno numerosi parlamentari e due ministri hanno visitato il santuario, in onore dei due milioni e mezzo di caduti giapponesi, inclusi anche criminali di guerra.