ULTIM'ORA

ULTIM'ORA

Attacchi a catena. Ancora sangue a Baghdad

Lettura in corso:

Attacchi a catena. Ancora sangue a Baghdad

Dimensioni di testo Aa Aa

Il governo ribadisce il suo impegno nella lotta al terrorismo e l’Iraq torna a bagnarsi di sangue.

Una trentina le vittime fatte a Baghdad nella sola mattinata di giovedì da una nuova serie di attacchi.

Quattro autobombe e un ordigno in strada hanno salutato l’intervento con cui il premier Nuri Al Maliki aveva poche ore prima assicurato un rinnovato impegno contro le violenze che da mesi scuotono il Paese.

L’attacco più sanguinoso nel quartiere settentrionale di Kazymia, dove le vittime sono state almeno 7 e i feriti una trentina.

Una delle autobombe è esplosa a poche centinaia di metri dalla zona verde, che ospita i complessi diplomatici occidentali.

Gli attacchi coincidono inoltre con la visita a Washington del ministro degli esteri Hoshiyar Zebari. Allarmati dal crescente coinvolgimento di Al Qaeda in Iraq, gli Stati Uniti si propongono di intensificare il proprio sostegno nella lotta antiterrorista.

Nel solo mese del ramadan, da poco concluso, gli attacchi hanno fatto oltre ottocento morti. (5/6)