ULTIM'ORA

ULTIM'ORA

Spagna: lunghi controlli alla frontiera, Gibilterra vuole inchiesta UE

Lettura in corso:

Spagna: lunghi controlli alla frontiera, Gibilterra vuole inchiesta UE

Dimensioni di testo Aa Aa

Arriva a oltre 4 ore l’attesa alla frontiera con Gibilterra a causa dei minuziosi controlli spagnoli sulle auto. Una situazione su cui il governo del piccolo territorio britannico domanda un’inchiesta della Commissione europea.

Le perquisizioni sarebbero una rappresaglia per la barriera di cemento creata in mare da Gibilterra per ostacolare l’accesso dei pescatori spagnoli alle acque rivendicate dai due Paesi.

“Vogliamo avviare un dialogo e cercare un’intesa” afferma il ministro dello sviluppo spagnolo Ana Pastor. “Gli interessi della Spagna devono essere difesi e questo è ciò che il governo spagnolo sta facendo col cuore e con la testa.”

Madrid si è ritirata dal forum per il dialogo creato nel 2006 con Gibilterra e Regno Unito.

“Penso che il modo sbagliato per affrontare dispute internazionali sia creare code alle frontiere che danneggiano gli anziani, i malati e i bambini” dichiara il capo del governo di Gibilterra, Fabian Picardo. “La cosa giusta sarebbe rivolgersi ai tribunali internazionali che sono preporti a questo. All’Onu, ho sfidato la Spagna a portare i suoi problemi con Gibilterra davanti a una corte internazionale oppure avviare un dialogo politico.”

La Spagna definisce necessari i controlli in funzione anti-contrabbando e sottolinea che Gibilterra, come il Regno-Unito, non fa parte dello spazio Schengen.