ULTIM'ORA

ULTIM'ORA

La Repubblica Ceca verso elezioni anticipate

Lettura in corso:

La Repubblica Ceca verso elezioni anticipate

Dimensioni di testo Aa Aa

Le dimissioni dell’attuale governo tecnico lasciano pochi margini al Paese, se non ritornare alle urne.

Il primo ministro ceco, Jiri Rusnok, ha presentato oggi le sue dimissioni al Presidente Milos Zeman, dopo essere stato bocciato da un voto di sfiducia in Parlamento il sette agosto. Lo scioglimento del Parlamento verrà votato martedì prossimo. Il portavoce del Senato MILAN STECH dei Social Democratici:

“Sono convinto che dopo lo scioglimento della camera bassa, il Presidente confermerà la dissoluzione del Parlamento il più rapidamente possibile”.

Il capo di stato Zeman aveva nominato l’economista Rusnok contro la volontà della maggioranza al Parlamento dopo la caduta della precedente coalizione di centro destra a giugno in seguito a uno scandalo di corruzione e abuso di potere.

“E’ l’inizio di una nuova era politica dichiara questo analista con un maggiore portere del Presidente Milos Zeman al cospetto dei partiti. Negli ultimi due mesi Zeman ha agito come se volesse diventare l’unica guida dei politici cechi”.

I partiti di sinistra hanno buone chance, stando ai sondaggi, di aggiudicarsi le prossime elezioni. I social-democratici potrebbero quindi ritornare al potere dopo sette anni.