ULTIM'ORA

Lettura in corso:

Economia: il Giappone frena e si interroga sulle sue politiche


Giappone

Economia: il Giappone frena e si interroga sulle sue politiche

Le imprese investono meno, la crescita rallenta e il Giappone si trova costretto a riflettere sull’efficacia delle sue politiche economiche.

A gelare gli entusiasmi di inizio anno, i dati relativi al secondo trimestre 2013. Cifre che inducono molti a interrogarsi sulla necessità di interventi strutturali.

Per quanto in crescita per il terzo trimestre consecutivo, con un +2,6% su base annua, nel periodo fra aprile e giugno il PIL nipponico ha mancando di ben un punto le previsioni.

Il calo degli investimenti tradisce inoltre le perplessità delle imprese nei confronti della guida economica di Shinzo Abe. Finora concentratosi soprattutto su un’aggressiva politica monetaria, il premier giapponese ostenta però fiducia.

“Ritengo che l’economia stia proseguendo nel suo cammino di crescita – ha detto -. Continuerò a dedicarle tutto il mio l’impegno e la mia attenzione. A partire dall’autunno metteremo poi in atto nuove strategie per il rilancio”.

Priorità numero uno è la guerra aperta al debito pubblico. Una zavorra ormai già ampiamente al di sopra del 240% del PIL, che Abe conta di alleggerire per consentire all’economia di riprendere il volo.

La crescita nipponica è finora in buona parte trainata dai consumi delle famiglie. Un motore che rischia però di perdere giri, proprio a causa dello scaglionato raddoppio dell’IVA con cui il governo conta di fare cassa a partire da ottobre.

“L’incremento iniziale dal 5% all’8% – mette in guardia l’economista Yoshito Sakakibara – può rivelarsi insostenibile per molte famiglie e comportare in una conseguente e sostanziale erosione del reddito reale. Si tratta di un aspetto che riteniamo non vada affatto sottovalutato”.

Campanelli di allarme che sembrano suonare anche nelle stanze del premier.

Nelle ultime ore più cauti sull’imprescindibilità di un aumento dell’IVA, i consiglieri di Abe guardano già avanti – e con ansia – al rebus dei rebus: come tenersi cioè stretto quel terzo posto fra le economie mondiali, che le statistiche condannano altrimenti il Giappone a cedere nei prossimi decenni ai paesi emergenti.

Ogni storia può essere raccontata in molti modi: osserva le diverse prospettive dei giornalisti di Euronews nelle altre lingue.

traduzione automatica

Prossimo Articolo

mondo

Germania: "ricercata" una tartaruga che ha morso al piede un bambino