ULTIM'ORA

ULTIM'ORA

Virus H7N9: allo studio degli scienziati un virus mutante per evitare una pandemia

Lettura in corso:

Virus H7N9: allo studio degli scienziati un virus mutante per evitare una pandemia

Dimensioni di testo Aa Aa

Medici e scienziati corrono ai ripari per combattere il virus dell’influenza aviaria. Un gruppo di ricercatori internazionali dell’Erasmus Medical Center di Rotterdam e dell’università del Wisconsin ha proposto mercoledì di creare un virus mutante dell’H7N9 per sviluppare terapie più efficaci
L’obiettivo dei ricercatori è quello di evitare una pandemia devastante.

L’H7N9 è apparso in Cina all’inizio della primavera ed è stato molto violento: su 133 persone contagiate, 43 sono morte. Il primo possibile caso di trasmissione tra esseri umani è stato scoperto in Cina: il nuovo virus dell’influenza aviaria ha infettato una donna di 32 anni mentre era al capezzale del padre, morto proprio a causa dell’infezione. La figlia non avrebbe preso le precauzioni necessarie stando a contatto con lui. Inoltre il virus ha dimostrato una capacità di resistenza sempre più forte alle terapie antivirali

Al momento l’epidemia è sotto controllo grazie alla chiusura dei mercati di polli e alle temperature elevate. I ricercatori olandesi e statunitensi, però, tengono la guardia alta e lanciano un monito: il virus potrebbe tornare con mutazioni il prossimo inverno. Il rischio è che possa trasmettersi tra gli uomini per via aerea.

Gli scienziati intendono trovare la causa di mortalità di questo agente patogeno e gli strumenti per debellare la sua diffusione. I ricercatori affermano inoltre che prenderanno tutte le precauzioni necessarie per lavorare con i virus geneticamente modicati, precisando che le regole stabilite dall’Organizzazione Mondiale della Sanità nel 2012 verranno rispettate.

Gli studi erano stati bloccati dalle autorità statunitensi nel 2011 per il rischio del bioterrorismo, ma per gli studiosi questa fase di stallo è stata vantaggiosa, perché ha rilanciato il dialogo sulla sicurezza sanitaria dei laboratori e portato a nuovi dibattiti sugli esperimenti scientifici.

Il Dipartimento della Salute statunitense ha precisato che tutte le ricerche finanziate con l’obiettivo di creare un virus H7N9 capace di trasmettersi tra i mammiferi per via aerea saranno oggetto di approfondite indagini.