ULTIM'ORA

ULTIM'ORA

Egitto, al lavoro la diplomazia internazionale

Lettura in corso:

Egitto, al lavoro la diplomazia internazionale

Dimensioni di testo Aa Aa

Prove di mediazione in Egitto dove la comunità internazionale si mobilita per trovare una soluzione politica alla crisi, dopo la deposizione di Morsi. Il senatore John McCain, alla guida di una delegazione del Congresso americano, ha fatto appello in una conferenza stampa al Cairo per una riconciliazione inclusiva della Fratellanza:

“Abbiamo sollecitato, tra le altre cose, la liberazione dei prigionieri politici – dice il repubblicano, che ha avuto il mandato direttamente da Barack Obama, facendo un chiaro riferimento a Morsi – . “Chiediamo con forza un dialogo nazionale che includa i Fratelli Musulmani, ma ci aspettiamo che si tengano lontani dalle violenze”.

I delegati stranieri si susseguono, tutti impegnati in tentativi di avviare una difficile mediazione tra posizioni che appaiono inconciliabili.

“Al Cairo – come spiega il corrispondente di Euronews Mohammed Shaikhibrahim – la diplomazia internazionale compie da giorni grandi sforzi per cercare di raggiungere un accordo politico soddisfacente per le parti in conflitto. L’obiettivo è porre fine alla tensione politica che mina la sicurezza e la pace della comunità”

A piazza Rabaa, nel centro del Cairo, i Fratelli Musulmani sono tornati a sfidare i militari: in migliaia sono continuati ad affluire anche dopo l’Iftar che segna la fine del digiuno. Sotto lo slogan “noi siamo decisi” tornano a sostenere Mohammed Morsi e a chiedere le dimissioni del governo ad interim.