ULTIM'ORA

ULTIM'ORA

Già a rischio i fragili e appena ripresi negoziati israelo-palestinesi

Lettura in corso:

Già a rischio i fragili e appena ripresi negoziati israelo-palestinesi

Dimensioni di testo Aa Aa

Sembra già sul punto di interrompersi il dialogo appena ripreso fra palestinesi e israeliani. Il motivo, 91 colonie ebraiche, considerate illegali da molteplici risoluzioni dell’Onu, sono state inserite in un piano di Tel Aviv per favorirne lo sviluppo.

La decisione, unita alle notizie riportate dal quotidiano Haaretz, secondo cui Israele avrebbe intenzione di sviluppare una ferrovia che attraverserà tutta la Cisgiordania hanno provocato rabbia fra i palestinesi. “È stato un errore riaprire il dialogo senza chiedere agli israeliani di fermare le colonie e agli americani di esprimersi al riguardo”, dice un alto esponente palestinese.

In realtà l’autorità palestinese aveva chiesto proprio questo per riprendere i negoziati, ma il mediatore americano Kerry era riuscito a riportare le due parti attorno a un tavolo dopo che gli israeliani avevano liberato 104 prigionieri alcuni accusati di attentati sanguinosi e altri in galera da oltre 20 anni.

Sempre Haaretz, quotidiano israeliano di sinistra, critico col governo, ha confermato che molte delle colonie che verranno sviluppate sono feudi elettorali dell’estrema destra israeliana che sostiene l’esecutivo.