ULTIM'ORA

ULTIM'ORA

Mediaset: condanna confermata per Berlusconi, ora la partita è politica

Lettura in corso:

Mediaset: condanna confermata per Berlusconi, ora la partita è politica

Dimensioni di testo Aa Aa

Conferma della condanna a quattro anni di carcere per Silvio Berlusconi, ma rinvio a un nuovo processo d’appello per la pena accessoria dell’interdizione dai pubblici uffici: la Corte di Cassazione chiude così, con una sentenza definitiva, il caso Mediaset, nel quale il cavaliere era accusato di frode fiscale. I suoi legali si sono riservati la valutazione su un eventuale ricorso a Strasburgo, ma la pagina giudiziaria italiana per il momento è chiusa. Si apre invece la partita politica, perché a breve la giunta del Senato potrebbe trovarsi a decidere sulla decadenza di Berlusconi da senatore: in base al decreto anti-corruzione del 2012. Una partita, questa, che potrebbe rivelarsi lacerante a sinistra.

Abbiamo chiesto a qualche passante di commentare la sentenza:
“Non me l’aspettavo. Pensavo che pure questa volta la facesse franca. Invece gli hanno dato questi 4 anni. Se glieli hanno dati probabilmente qualcosa di vero c‘è”

“Credo che, diciamo così, si sia trattato di un episodio che sotto questo aspetto onora il nostro paese, nel senso che fa capire che è una democrazia matura: da una parte c‘è la magistratura e dall’altra c‘è la politica. Però tutti sappiamo che questa sentenza avrà dei riflessi politici di enorme portata”.

Il nostro inviato a Roma sottolinea i rischi per la tenuta del governo:

“La sentenza minaccia di accorciare drammaticamente la vita del governo di larghe intese, che ora potrebbe cadere sia per iniziativa del Pdl sia per l’insofferenza di una parte del Pd a governare con un Cavaliere ormai condannato in via definitiva”.