ULTIM'ORA

ULTIM'ORA

Caso Bárcenas: "Accuse infondate", Rajoy si difende in Parlamento

Lettura in corso:

Caso Bárcenas: "Accuse infondate", Rajoy si difende in Parlamento

Dimensioni di testo Aa Aa

Il caso Bárcenas è approdato questa mattina al Parlamento spagnolo per l’attesa versione del premier Rajoy sullo scandalo relativo ai presunti fondi neri che ha travolto e rischia di affondare il suo partito. Le accuse sono state lanciate dal’ex tesoriere del Partito Popolare Luis Bárcenas, arrestato il 27 giugno.

“Ho riposto la mia fiducia in una persona sbagliata,” dice Rajoy. “Sì, ho commesso l’errore di credere in un falso innocente non il delitto di proteggere un presunto colpevole. È incredibile con quale facilità molti in Spagna hanno scoperto un’improvvisa vocazione e si sono eretti a giudici applaudendo, sulla base di meri sospetti, accuse infondate”

Rajoy ha oggi di nuovo smentito quelle che ha definito “menzogne e manipolazioni” alimentate da “alcuni leader politici.” Bárcenas ha barato, secondo il premier che dice di non aver mai preso denaro da lui, ma bonus complementari, dichiarati regolarmente al Fisco.

Rajoy è determinato a difendere la stabilità politica e a finire il mandato affidatogli dal popolo spagnolo. Ma lo scandalo è lontano dall’essere archiviato e fa tremare il governo con la richiesta di dimissioni che incombe da parte dell’opposizione socialista. Il leader Alfredo Rubalcaba in aula è tornata all’attacco: “Rajoy ha mentito sostenendo che era tutto falso. Su di lui pesa ancora la grave accusa di aver ricevuto stipendi in nero quando era ministro.”

I fatti contestati al premier e ai vertici del partito risalgono al periodo compreso tra il 1997 e il 1999, quando Rajoy era ministro di Aznar. ‘El Mundo’ ha pubblicato diversi documenti forniti chiaramente da Bárcenas. L’ex tesoriere – al quale vengono contestati 48 milioni di euro in conti svizzeri – a metà luglio avrebbe consegnato al giudice Pablo Ruz, che indaga, i documenti chiave che comproverebbero la contabilità irregolare. Il Partito Popolare avrebbe beneficiato di oltre 11 milioni di euro di tangenti e dazioni.