ULTIM'ORA

ULTIM'ORA

USA: giovane 'dimenticato' in cella. Agenzia Federale antidroga pagherà i danni

Lettura in corso:

USA: giovane 'dimenticato' in cella. Agenzia Federale antidroga pagherà i danni

Dimensioni di testo Aa Aa

Più di tre milioni di euro. È quanto sarà costretta a pagare la Drug Enforcement Administration, agenzia federale antidroga statunitense, a un ventiquattrenne. Daniel Chong, nell’aprile 2012, venne fermato durante un’operazione antistupefacenti condotta proprio dalla DEA. Il ragazzo, immediatamente scagionato, venne dimenticato per quattro giorni in una cella ammanettato, senza cibo né acqua, costretto a bere le sue urine.

“Non sono rimasto seduto tranquillo per tutto il tempo – ricorda – Prendevo a calci la porta, urlavo. Ho anche fatto passare le stringhe delle scarpe attraverso la fessura della portaperché qualcuno le vedesse. Non sono rimasto tranquillo. Urlavo”.

Così Eugene Iredale, avvocato del giovane: “Speriamo che a un certo punto ci possa essere almeno l’attribuzione individuale di responsabilità per quanto accaduto e una sorta di appropriata sanzione amministrativa.”

Chong, una volta ritrovato, ha trascorso cinque giorni in ospedale, tre dei quali in terapia intensiva. La ‘dimenticanza’ gli era costata sette chili e uno stato di disidratazione generale.