ULTIM'ORA

ULTIM'ORA

Spagna: il macchinista del treno al telefono con il controllore prima dell'incidente

Lettura in corso:

Spagna: il macchinista del treno al telefono con il controllore prima dell'incidente

Dimensioni di testo Aa Aa

Il macchinista del treno deragliato in Spagna stava parlando al telefono con un controllore poco prima dell’incidente. Un dettaglio finora non rivelato. È stato lo stesso Francisco José Garzòn a rivelarlo ai giudici, dai quali si è recato in modo spontaneo. A quanto sembra, il controllore gli stava dando indicazioni sul tragitto da seguire per arrivare alla destinazione finale, Ferrol.

Gli inquirenti stanno continuando ad analizzare le scatole nere del treno – partito da Madrid – che contengono dati tecnici e documenti vocali. “Perché non ha ridotto la velocità?” – ha chiesto il giudice al macchinista nel corso dell’interrogatorio -. “Non posso dare una spiegazione – ha risposto il macchinista. Non riesco a trovarne alcuna. Non riesco ancora a capire perché non sia riuscito a rendermi conto. Vostro onore, non so cosa sia successo, mi lasci dire che non sono pazzo abbastanza da non cercare di fermare il treno”.

Dai dati raccolti grazie alle scatole nere risulta che il treno stava viaggiando a 192 chilometri orari prima del deragliamento, quando la velocità rilevata è stata di 153, in un punto in cui il limite è di 80.

A Santiago di Compostela la popolazione ricorda le vittime dell’incidente, nel quale sono morte 79 persone.