ULTIM'ORA

ULTIM'ORA

Palestinesi e israeliani hanno ripreso a parlarsi

Lettura in corso:

Palestinesi e israeliani hanno ripreso a parlarsi

Dimensioni di testo Aa Aa

Nove mesi per raggiungere un accordo che ponga fine a 65 anni di conflitto. È il tempo che israeliani e palestinesi si sono dati per i colloqui di pace, ripresi questo martedì, dopo tre anni di interruzione, a Washington, sotto l’egida del segretario di stato americano John Kerry.

“Sappiamo tutti che non sarà facile” ha riconosciuto il ministro della giustizia israeliano Tzipi Livni. “Sarà difficile, con alti e bassi. Ma posso assicurarvi che in questi negoziati non è nostra intenzione discutere del passato, ma creare soluzioni e prendere decisioni per il futuro.”

I primi colloqui, tra cui un faccia a faccia senza la presenza americana, sono stati definiti da John Kerry “costruttivi”.

“I palestinesi hanno sofferto abbastanza” ha sottolineato il capo negoziatore dell’Anp Saeb Erekat “e nessuno più di loro beneficerebbe del successo di questa iniziativa. Sono felice che tutte le questioni sullo status finale siano in discussione e saranno risolte senza eccezioni. È ora che i palestinesi abbiano il loro stato sovrano indipendente.”

I problemi sul tappeto sono molti e complessi, ma si spera che l’atmosfera conviviale della prima giornata sia un segnale incoraggiante.