ULTIM'ORA

ULTIM'ORA

Medio Oriente. Ripresi negoziati diretti israelo-palestinesi. Su basi poco solide

Lettura in corso:

Medio Oriente. Ripresi negoziati diretti israelo-palestinesi. Su basi poco solide

Dimensioni di testo Aa Aa

Tre anni di gelo, grandi aspettative, un’avvio su basi modeste. I negoziati di pace diretti israelo-palestinesi sono ripresi a Washington, guidati dal Segretario di Stato americano John Kerry. Al tavolo della trattativa per sbloccare il processo di pace il Ministro della Giustizia di Tel Aviv Tzipi Livni e il responsabile palestinese Saeb Erekat.

Per trovare lo sbocco ad un conflitto vecchio di sessant’anni questa nuova partenza dovrà fare i conti con ostacoli atavici: le frontiere di Israele e del futuro Stato palestinese, le colonie, lo statuto di Gerusalemme, il destino dei rifugiati.

A complicare il quadro, la liberazione di cento prigionieri palestinesi da parte del governo di Netanyhau che ha scatenato le proteste a Gerusalemme. Proteste cui fanno eco quelle di Ramallah dove i palestinesi contrari alla ripresa dei negoziati di sono scontrati con le forze di sicurezza.