ULTIM'ORA

ULTIM'ORA

Egitto. Fahmy: "Fratelli Musulmani imparino lezione democrazia"

Lettura in corso:

Egitto. Fahmy: "Fratelli Musulmani imparino lezione democrazia"

Dimensioni di testo Aa Aa

I Fratelli Musulmani dovrebbero imparare la lezione del gioco democratico. Il nostro corrispondente al Cairo Mohammed Shaikhibrahim ha incontrato il Ministro degli Esteri Egiziano Nabil Fahmy per parlare della crisi nel Paese.

“I Fratelli Musulmani sono arrivati al potere in maniera democratica e per volere del popolo” chiede il nostro corrispondente “poi sono stati destituiti e il loro Presidente isolato. È logico che la loro reazione sia forte o sbaglio?”.

“Il Presidente è un Presidente eletto, non ci sono dubbi” risponde il Ministro Fahmy. “Ma non ha esercitato la politica in maniera democratica dopo la sua elezione. E ci sono tanti esempi di Capi di Stato eletti democraticamente che non sono stati all’altezza di una pratica della politica democratica e, di conseguenza, sono stati ripudiati dalla gente. Ecco quel che è successo in Egitto. Gli egiziani non avevano scelta quindi sono tornati in strada in numero ancora maggiore rispetto a quanti avevano votato il Presidente Morsi. A quel punto lui avrebbe dovuto dare una risposta al popolo, non già dando le dimissioni ma indicendo nuove elezioni. I movimenti islamici e i sostenitori di Morsi ora sono in collera ma dovrebbero imparare la lezione. Hanno il diritto di partecipare al voto. Gli chiediamo di partecipare nuovamente alle elezioni attraverso i diversi comitati”.