ULTIM'ORA

ULTIM'ORA

Spagna, in stato di fermo il macchinista. L'inchiesta prosegue a tutto campo

Lettura in corso:

Spagna, in stato di fermo il macchinista. L'inchiesta prosegue a tutto campo

Dimensioni di testo Aa Aa

È ufficialmente in stato di fermo per negligenza, il macchinista del treno deragliato a Santiago de Compostela. L’uomo, che si trova ancora in ospedale sotto sorveglianza, è dipendente dell’azienda ferroviaria da oltre vent’anni e da più di un anno effettuava le corse su quella linea, che conosceva quindi molto bene. Dalle immagini dell’incidente emerge un ritardo nella frenata, il treno arriva troppo veloce ma non è ancora chiaro perché.

La polizia conferma che il macchinista è sottoposto a fermo: “È un fermo di polizia. Gli abbiamo letto i suoi diritti, perché è sospettato di un crimine. Sospettato di un crimine collegato alle cause dell’incidente”, si limita a dire un ufficiale, in attesa che un magistrato decida sulla convalida dell’arresto.

I primi sospetti sono caduti sul macchinista per via dell’alta velocità con cui il treno ha imboccato una curva la cui difficoltà era ben nota; sospetti rafforzati da vecchie vanterie in tema di velocità, pubblicate su un social network. Gli inquirenti però stanno valutando tutte le ipotesi di cause o concause determinanti, a partire dalle possibili défaillance tecniche sul treno o sui binari.