ULTIM'ORA

ULTIM'ORA

Strage di Santiago, si prega tra dolore e speranza

Lettura in corso:

Strage di Santiago, si prega tra dolore e speranza

Dimensioni di testo Aa Aa

Dopo la tragedia, Santiago de Compostela si raccoglie nella preghiera. La Cattedrale ha aperto le porte al dolore dei familiari delle vittime e alle speranze di quelli che ancora attendono notizie. È stata una lunga notte per i parenti accorsi sul luogo della strage. Le squadre di soccorso cercano di salvare vite, una corsa contro il tempo per il più grave incidente ferroviario in Spagna degli ultimi 70 anni.

“Mi trovo, di fronte al palazzo Cersia, a Santiago de Compostela si avverte il dolore delle famiglie – dice l’inviata di euronews Filipa Soares sul posto fin dalle prime ore -. “Ho cercato di parlare con gli amici delle vittime, perché i familiari sono ancora sotto chock. Ma hanno tutti rifiutato: l’emozione è ancora troppo forte. Possono però contare sulla solidarietà dei galiziani. Ieri in molti si sono presentati in ospedale per donare il sangue, ci sono stati anche degli appelli alla popolazione affinché non affollasse l’ospedale centrale di Santiago, che non era in grado di gestire l’enorme quantità di donatori di sangue.”

È il momento dello strazio per chi ha perso un caro ma anche della rabbia affinché venga accertata la verità.178 i feriti che sono stati portati all’ospedale, 36 di questi, compresi quattro bambini, sarebbero in condizioni gravi.