ULTIM'ORA

ULTIM'ORA

Papa Francesco si sintonizza sui temi sociali nel suo primo viaggio in Brasile

Lettura in corso:

Papa Francesco si sintonizza sui temi sociali nel suo primo viaggio in Brasile

Dimensioni di testo Aa Aa

Nel primo viaggio ufficiale del suo Pontificato, in occasione delle giornate mondiali della Gioventù, Papa Franceso si fa portatore di un messaggio deciso contro l’esclusione sociale e le disuguaglianze. Un tema molto sentito in Brasile, in particolare dopo le enormi proteste di piazza dell’ultimo mese.

Quando ancora era in volo, davanti a una settantina di giornalisti, Francesco illustrava con queste parole il senso del suo viaggio: “C‘è il rischio di avere una generazione che non ha avuto lavoro. E’ dal lavoro che viene la dignità delle persone, la possibilità di guadagnarsi il pane. I giovani, in questo momento, sono in crisi”.

Il monito non suona nuovo alla dirigenza politica del Brasile, un paese che è riuscito a sollevare al di sopra della soglia di povertà quasi 28 milioni di persone dal 2003 a oggi. Eppure, come ha riconosciuto il presidente Dilma Rousseff, molto deve ancora essere fatto: “Sappiamo che dobbiamo misurarci con nuove sfide e continuare a migliorare la realtà del paese. E’ con questa consapevolezza che, nelle ultime settimane, centinaia di migliaia di giovani sono scesi in strada a manifestare”.

Le strade di Rio de Janeiro si sono riempite anche lunedì. Non una protesta contro il Papa, ma l’occasione per denunciare i costi sostenuti per accoglierlo: circa 40 milioni di euro a carico dei contribuenti. Una manifestante: “E’ bello che il Papa sia qui, ma vogliamo sfruttare l’attenzione dei media anche per ribadire le ragioni delle recenti proteste”.

Era stato l’annuncio di un aumento delle tariffe dei trasporti pubblici a scatenare, a giugno, le più imponenti manifestazioni in Brasile da dieci anni a questa parte. Milioni di persone, in centinaia di città, hanno denunciato la corruzione e l’inadeguatezza dei servizi, in un paese divenuto la sesta potenza economica mondiale. Un paese che spenderà 20 miliardi di euro per i mondiali di calcio 2014 e le Olimpiadi del 2016.