ULTIM'ORA

ULTIM'ORA

Debito pubblico cresce in Europa e nell'Eurozona: In Italia superata quota del 130%

Lettura in corso:

Debito pubblico cresce in Europa e nell'Eurozona: In Italia superata quota del 130%

Dimensioni di testo Aa Aa

Il debito pubblico continua a salire in Europa e nell’eurozona, a dispetto di anni di una terapia di austerità intesa a risanare i bilanci nazionali.

Peggio di tutti stanno Grecia e Italia, che hanno toccato nuovi livelli record. Ma sono in tutto 21 i paesi dell’Unione ad aver registrato un incremento, secondo i dati Eurostat riferiti ai primi tre mesi dell’anno.

Nell’eurozona, il rapporto tra debito e Pil è salito al 92,2%, dal 90,6% segnato a fine 2012. Si tratta di 8750 miliardi di euro.

La Grecia guida la classifica del rapporto più alto: 160,5%, davanti all’Italia, 130,3% e al Portogallo, 127,2 per cento.

Il rapporto debito-Pil più basso è invece quello del Lussemburgo, 22,4% e dell’Estonia, 10 per cento.

I fautori dell’austerità affermano che le economie dei paesi più indebitati riprenderanno a crescere solo quando i livelli di indebitamento saranno contenuti a livelli gestibili. La Grecia, ad esempio, ha riportato un avanzo primario dopo anni di tagli alla spesa e aumenti delle imposte.

Quanto all’Italia, il ministro dell’Economia Saccomanni aveva evocato la possiblità di cedere quote di società pubbliche come Eni e Enel per fare cassa e ridurre l’indebitamento.