ULTIM'ORA

ULTIM'ORA

Attesa, tra le polemiche, l'uscita di Ender's Game. Il regista Hood: "Uno shock le dichiarazioni anti-gay di Orson Scott Card"

Lettura in corso:

Attesa, tra le polemiche, l'uscita di Ender's Game. Il regista Hood: "Uno shock le dichiarazioni anti-gay di Orson Scott Card"

Dimensioni di testo Aa Aa

E’ accompagnata da polemiche la promozione di Ender’s Game, atteso primo adattamento per il grande schermo della serie di libri di fantascienza di Orson Scott Card a causa del noto attivismo anti-gay dello scrittore statunitense.

Il regista Gavin Hood è corso ai ripari e durante la presentazione della pellicola al Comic-Con di San Diego la scorsa settimana, ha preso le distanze dalle recenti posizioni omofobe dello scrittore. “Mi ha provocato un certo sgomento la lettura delle dichiarazioni di Orson. Non condivido il suo punto di vista – ha dichiarato -. Ovviamente sono un fan del libro. Per me è stato quasi uno schock. Quindi capisco perfettamente la reazione su internet di persone che amano il libro ma sono costernate dalle posizioni dell’autore. Ad essere onesti, però, questa non è una novità. Orson ha scritto un gran libro. E ha difficoltà chi ha una visione opposta alla sua”

Il film narra la storia di Ender Wiggin (Asa Butterfield), un ragazzo prelevato dalla sua famiglia e inviato in una scuola di guerra dove il colonnello Graf lo prepara ad affrontare la terza invasione della Terra da parte di una specie aliena. Nel cast Harrison Ford, Ben Kingsley e Viola Davis.

“C`è un’enorme platea di fan. Quando abbiamo iniziato le riprese, a queste persone io e Gavin abbiamo voluto realmente rivolgerci – dice Asa Butterfield -. Certo, un adattamento non è mai aderente alla storia originale al 100 per cento, ma per quanto possibile le è fedele. Sono sicuro che i fan ne saranno soddisfatti”.

Il classico di fantascienza non tratta di questioni relative all’ omosessualità, ma lo scrittore è stato esplicito sulle sue posizioni, scatenando la dura reazione delle associazioni omosessuali statunitensi, che hanno lanciato una campagna di boicottaggio della pellicola, in uscita a novembre.