ULTIM'ORA

ULTIM'ORA

Anniversari: Hong Kong ricorda Bruce Lee a 40 anni dalla sua morte

Lettura in corso:

Anniversari: Hong Kong ricorda Bruce Lee a 40 anni dalla sua morte

Dimensioni di testo Aa Aa

40 anni fa, il 20 luglio, scompariva prematuramente Bruce Lee. Decine di fan a Hong Kong hanno reso omaggio alla statua dedicata all’icona cinematografica delle arti marziali.

Alla commemorazione era presente la sorella dell’attore, Phoebe Lee, che ha deposto un mazzo di fiori accanto al monumento.

Per l’occasione il fanclub della città ha inaugurato “The Bruce Lee Way”, percorso che segna alcune tappe fondamentali della vita di Bruce Lee.

“Bruce Lee è la combinazione di bel viso, corpo forte, una straordinaria abilità di combattimento e un’immagine eroica – dice Wong Yiu-Keung, presidente dek Bruce Lee Club -. Quand’ero bambino volevo essere come lui. La sua vita mi ha ispirato molto”

Grazie al padre, nota star dell’opera cantonese, Bruce Lee si avvicinò molto presto al mondo del cinema e apparve in diversi film fin da bambino, una ventina prima dei 18 anni.

La sua pellicola piu’ celebre, “I tre dell’Operazione Drago”, è uscita postuma.

Nato a San Francisco, il 27 Novembre del 1940 crebbe a Hong Kong, dove rimase per tutta l’adolescenza. Poi, all’età di 18 anni, si trasferi’ negli Stati Uniti per gli studi superiori. Qui iniziò a insegnare le arti marziali.

Mori’ di edema cerebrale a soli 32 anni, al culmine della sua fama.

A Hong Kong “Bruce Lee: Kung fu. Arte. Vita” mostra oltre 600 oggetti, molti dei quali appartenenti alla Bruce Lee Foundation gestita dalla figlia dell’attore, Shannon Lee.
“ I miei ricordi più vivi riguardano i suoi sentimenti – dice -. Questa sorta di connessione con la sua energia, quando focalizzava l’attenzione su di te, era cosi’ potente. Ma lui era anche amorevole e giocoso. E poteva anche essere molto severo come tutti i padri ma sempre con gentilezza e amore”

Primo eroe delle arti marziali nel cinema, Bruce Lee ha ispirato una nuova generazione di attori, come Jackie Chan abbattendo per gli interpreti asiatici le barriere di Hollywood.