ULTIM'ORA

ULTIM'ORA

Usa, battaglia sulla richiesta di Detroit per la bancarotta

Lettura in corso:

Usa, battaglia sulla richiesta di Detroit per la bancarotta

Dimensioni di testo Aa Aa

La bancarotta di Detroit finisce in tribunale. Un giudice del Michigan ha ordinato il ritiro della richiesta di protezione dai creditori secondo il “Chapter 9” della legge fallimentare americana.

‘Contraria alla costituzione dello Stato’, ha detto Rosemarie Aquilina. Il procuratore generale ha già annunciato ricorso.

Con la decisione, la corte si è schierata a favore dei fondi pensione della città, due dei principali creditori del comune di Detroit.

“Hanno fatto promesse”, ricorda Al Grant, segretario dell’associazione che riunisce poliziotti e pompieri in pensione.

“Non possono dire ‘Lasciamo stare’. Hanno rimandato il problema troppo a lungo. Hanno detto ‘Non è un problema mio. Presto me ne andrò’. Ora i nodi vengono al pettine. Non è giusto che siamo noi a dover incassare il colpo. Noi i nostri debiti li paghiamo”.

Un tempo nota per la fiorente industria automobilistica, la città ha un buco da 18 miliardi di dollari.

Il declino demografico, insieme ad anni di decisioni sbagliate e corruzione, hanno lasciato alcune aree della città semi-deserte e il comune incapace di garantire i più elementari servizi pubblici.

“Sì, ci sono 9.700 dipendenti comunali e quasi 20 mila pensionati”, spiega il commissario straordinario per l’emergenza Kevyn Orr.

“Ma ci sono anche 700 mila cittadini – prosegue – che non meritano 55 minuti di attesa media nelle chiamate di soccorso, che non meritano degrado e criminalità endemici, che non meritano di non avere speranza e futuro a causa di debiti su debiti. Dobbiamo fare qualcosa e la procedura di bancarotta è il primo passo”.

Quando sarà approvata, il Comune potrà liquidare le proprie attività per far fronte ai debiti. Senza le cose andranno anche peggio, ha avvertito il governatore del Michigan Rick Snyder.

Ma qualcuno ci rimetterà di certo in termini di restituzione del dovuto. E in tutto il mondo finanziario ci si comincia a chiedere: chi è esposto sulla città di Detroit?