ULTIM'ORA

ULTIM'ORA

Obama: "35 anni fa Trayvon Martin sarei stato io"

Lettura in corso:

Obama: "35 anni fa Trayvon Martin sarei stato io"

Dimensioni di testo Aa Aa

Trentacinque anni fa Trayvon Martin potevo essere io. Il presidente Barack Obama torna a parlare del ragazzo di colore ucciso in Florida da una guardia giurata, George Zimmerman, alla fine giudicata non colpevole.

Obama, che a sorpresa si è presentato davanti ai giornalisti al posto del suo portavoce, ha detto chiaramente che negli Stati Uniti “le disparità razziali esistono ancora”, anche su come vebgono applicate le leggi.

“Ci sono pochi afroamericani in questo paese che non abbiano avvertito di essere controllati mentre comprano qualcosa al supermercato. E’ successo anche a me. E ci sono pochi afroamericani che non abbiano sentito gli sportelli bloccarsi, mentre si avvicinano a un’auto. E’ successo anche a me, almeno prima di diventare senatore. Ci sono pochi afroamericani che non abbiano avvertito in ascensore il nervosismo di una donna che trattiene il respiro fin quando non riesce ad andarsene”.

La nuova uscita del presidente fa seguito a giorni di proteste che si sono svolte in tutto il paese dopo la sentenza di assoluzione di Zimmerman.

Proteste che mettono nel mirino delle critiche la legge vigente in Florida che permette a chiunque si senta ragionevolmente in pericolo di vita di reagire anche sparando. “Nel nostro paese funziona così, ha detto Obama, ma non vuol dire che non si possa cambiare”.