ULTIM'ORA

ULTIM'ORA

Grecia: ex ministro finanze rinviato a giudizio dal parlamento per lista Lagarde

Lettura in corso:

Grecia: ex ministro finanze rinviato a giudizio dal parlamento per lista Lagarde

Dimensioni di testo Aa Aa

L’ex ministro delle Finanze greco George Papanconstantinou sarà processato da un tribunale speciale. Al termine di un’inchiesta parlamentare, i deputati hanno deciso revocargli l’immunità e di rinviarlo a giudizio.

Ministro tra il 2009 e il 2011, Papaconstantinou è sospettato di aver falsificato un elenco di presunti evasori fiscali, la lista Lagarde, durante il suo mandato.
“Ha tenuto tutto per sé, non ha mai consegnato il CD con le informazioni a un’autorità statale competente”, ha affermato Zoe Konstantopoulou, parlamentare del partito di sinistra Siryza.

Papaconstantinou è anche sospettato di aver cancellato i nomi di tre suoi familiari dalla lista Lagarde, in cui comparirebbero oltre 2000 presunti evasori greci.
“Nego in modo assoluto queste accuse”, ha detto Papaconstantinou. “Non ho agito tradendo la fiducia, non ho alterato alcun documento, non ho infranto i miei doveri. Non posso essere incolpato di tutti i mali del Paese. Non solo è ingiusto addossarmi i peccati dei governi precedenti di entrambi i partiti. E’ peggio, è infamante”.

L’elenco dei titolari dei conti era stato sottratto dalla filiale svizzera dell’HSBC a Ginevra da un impiegato. Nel 2010 era stato consegnato al governo greco dall’allora ministra dell’economia e delle Finanze francese, Christine Lagarde. Ma i greci non ne hanno saputo niente, fino al settembre del 2012, quando è stato pubblicato dalla rivista di giornalismo investigativo Hot Doc.

Il caporedattore Kostas Vaxevanis era stato indagato e poi assolto dall’accusa di violazione della privacy. Lo scorso ottobre si difendeva così: “Non ho fatto altro che il mio lavoro di giornalista, ho svelato pubblicamente una verità nascosta dalle autorità. A rendere conto alla giustizia devono essere i ministri che hanno nascosto la lista e hanno sempre sostenuto che non esistesse. Io ho solo fatto il mio lavoro”.

Papaconstantinou è l’architetto del primo piano di austerità greco del 2010, nel governo Papandreou. L’anno scorso è stato espulso dal partito socialista dopo le rivelazioni dei giudici sui tre nomi cancellati dalla lista Lagarde. Rischia dieci anni di carcere.

Stamatis Giannisis, euronews:
“Sebbene George Papaconstantinou sia il primo politico nella storia recente della Grecia a dover rispondere di tali accuse, il suo rinvio a giudizio non sembra abbia convinto la popolazione scesa in stradasecondo la quale la Lista Lagarde è solo la punta dell’iceberg, in una società abituata a sentir parlare di corruzione ed evasione fiscale ogni giorno”.