ULTIM'ORA

Lettura in corso:

Ungheria: debiti ripagati in anticipo, via l'Fmi


economia

Ungheria: debiti ripagati in anticipo, via l'Fmi

‘Grazie per l’aiuto ma ora non abbiamo più bisogno di voi. Potete anche chiudere bottega’. Firmato, l’Ungheria.

Il governo di Viktor Orbán si prepara alle elezioni politiche dell’anno prossimo e la prima pratica da sbrigare è quella di riprendersi la propria sovranità economica dal Fondo monetario internazionale. In modo più che simbolico, però. La richiesta è per la chiusura dell’ufficio di Budapest dell’organizzazione di Washington.

In una lettera indirizzata al numero uno Christine Lagarde, il governatore della banca centrale ungherese György Matolcsy ha affermato che il Paese restituirà in anticipo le ultime tranche del prestito contratto dopo la crisi finanziaria del 2008.

L’Ungheria ha già reso la maggior parte di quei 20 miliardi di euro che l’hanno salvato dal tracollo. I soldi per ripagare i restanti 2,2 miliardi ci sono e il governo populista di Viktor Orban, da anni ai ferri corti con l’Fmi, ha deciso di bruciare le tappe. L’ultima parola, però, spetta all’organizzazione internazionale.

Ogni storia può essere raccontata in molti modi: osserva le diverse prospettive dei giornalisti di Euronews nelle altre lingue.

Prossimo Articolo

economia

Cina, frenata dell'economia nel secondo trimestre