ULTIM'ORA

ULTIM'ORA

Spagna: fondi neri al Pp, nuove accuse contro Rajoy "non mi dimetto"

Lettura in corso:

Spagna: fondi neri al Pp, nuove accuse contro Rajoy "non mi dimetto"

Dimensioni di testo Aa Aa

L’ex tesoriere del Partido Popular, Luis Barcenas, ha ammesso ai magistrati di aver consegnato soldi in nero dal 2008 al 2010 all’attuale premier Mariano Rajoy.

Le nuove rivelazioni arrivano all’indomani della pubblicazione sul quotidiano el mundo degli sms tra lo stesso Primo ministro e l’ex senatore che dimostrerebbero contatti diretti e permanenti.

“Gli sms pubblicati ratificano quello che ho già avuto modo di dire in precedenza – si difende Rajoy – Cioé che lo Stato di diritto non si piega alle minacce e che le istituzioni spagnole, come l’amministrazione giudiziaria, la polizia giudiziaria e l’amministrazione fiscale hanno agito e agiranno con assoluta indipendenza”.

Barcenas avrebbe ammesso inoltre di essere l’autore della contabilità in nero del Partido Popular durante 20 anni e che i documenti rivelati lo scorso 31 gennaio da El Pais sui conti segreti sono scritti di suo pugno. L’ex tesoriere avrebbe consegnato una pen-drive con la contabilità occulta e il resto di quella manoscritta.

La deposizione di Barcenas rischia di aggravare ulteriormante la posizione di Rajoy, che a febbraio aveva dichiarato di non aver mai ricevuto pagamenti in nero sostenendo che la contabilità segreta e illegale pubblicata dalla stampa era falsa.

Dopo la pubblicazione delle rivelazioni del Mundo, il Partito Socialista spagnolo ha chiesto le “dimissioni immediate” di Rajoy e ha rotto “tutte le relazioni” con il Partito popolare.