ULTIM'ORA

ULTIM'ORA

Israele vara legge controversa per espansione e sviluppo nel deserto del Neghev

Lettura in corso:

Israele vara legge controversa per espansione e sviluppo nel deserto del Neghev

Dimensioni di testo Aa Aa

Alla Knesset israeliana passa la legge detta Begin-Prawer e migliaia di beduini rischiano la deportazione. Decine di villaggi palestinesi verranno sgomberati.

Il «Begin-Prawer» prevede la ricollocazione di migliaia di beduini del Neghev in sette cittadine costruite negli anni ’70 oltre all’eliminazione dei villaggi non riconosciuti. Saranno dichiarati «esistenti» solo i centri dove la popolazione raggiunge una soglia numerica minima, gli altri saranno accorpati e le popolazioni trasferite. Il progetto prevede anche risarcimenti economici a chi perderà la terra e la casa ma, di fatto si basa sull’esproprio.

Dice un deputato arabo-israeliano: “Questo progetto minaccia un terzo dei villaggi palestinesi presenti nell’area e il ricollocamento di almeno 60.000 persone oltre alla confisca di oltre 200.000 ettari. In realtà si tratta di pulizia etnica. Il governo israeliano cerca di rendere legale una legge che favorisce la discriminazione e il razzismo”.

La polizia ha arrestato chi protestava, ma altre iniziative sono previste per i prossimi giorni. Il provvedimento ormai è legge, ma i palestinesi che su quelle terre vivono da generazioni hanno promesso che si batteranno con tutte le forze.