ULTIM'ORA

Lettura in corso:

Strage Boston: Tsarnaev si dichiara "non colpevole"


USA

Strage Boston: Tsarnaev si dichiara "non colpevole"

Dzhokhar Tsarnaev si dichiara non colpevole. Prima udienza davanti al giudice per il giovane accusato della strage alla maratona di Boston.

Il 19enne di origini cecene deve rispondere dell’omicidio di quattro persone e del ferimento di altre 264, per aver piazzato due bombe artigianali all’arrivo della corsa il 15 aprile scorso, in mezzo a centinaia di spettatori. 30 i capi d’imputazione, tra cui omicidio e uso di armi di distruzione di massa. Tsarnaev rischia la pena di morte.

In aula anche i parenti delle vittime, Dzhokhar ha cercato di evitare il loro sguardo.

“Tutti vogliono sapere perché. Perché lo ha fatto – dice una abitante di Boston – Sai di far del male a tante persone innocenti e che le loro vite cambieranno per sempre. Tante persone hanno perso l’uso delle gambe. È una tragedia terribile”.

“È già stato condannato dai media e dall’opinione pubblica – sostiene una giovane sostenitrice dell’imputato – Tante cose brutte sono state dette sul suo conto e la gente non guarda più a lui come una persona. È solo un terrorista che ha fatto male ad altre persone”.

Dell’attentato è ritenuto responsabile anche il fratello maggiore di Dzhokhar, il 26enne Tamerlan, rimasto ucciso in uno scontro a fuoco con la polizia il 19 aprile.

I fratelli Tsarnaev, naturalizzati americani, avevano abbracciato la causa jihadista.

Ogni storia può essere raccontata in molti modi: osserva le diverse prospettive dei giornalisti di Euronews nelle altre lingue.

Prossimo Articolo

mondo

Tv pubblica greca riprende trasmissioni con nuovo nome, protestano ex dipendenti