ULTIM'ORA

ULTIM'ORA

Accade in Russia. Condannato per evasione fiscale dopo la morte

Lettura in corso:

Accade in Russia. Condannato per evasione fiscale dopo la morte

Dimensioni di testo Aa Aa

L’avvocato Serghiei Magnitski è stato prosciolto per morte sopraggiunta, seppur ritenuto colpevole di evasione fiscale.

Sembra una palese contraddizione. È quanto ha deciso una corte di Mosca nel primo processo postumo della storia russa.

Magnitski legale, di un fondo d’investimento, era deceduto in cella in circostanze controverse dopo aver denunciato alcuni funzionari pubblici per una truffa ai danni dello Stato. Il suo superiore gerarchico, William Browder, un cittadino britannico, è stato condannato a 9 anni in contumacia.

L’avvocato della difesa ha annunciato che farà ricorso.

La condanna ha una sua ricaduta in quanto impedisce ai familiari di ripulire il nome di Magnitski come richiesto e come ricordato nella dichiarazione del procuratore generale. Per la giustizia russa il caso è chiuso.

L’Interpol, dal canto, ha considerato il processo come politico e ha quindi rifiutato di dare seguito al mandato di cattura contro Browder spiccato dalle autorità russe.