ULTIM'ORA

ULTIM'ORA

Rabbia in piazza, nervosismo in Parlamento. Rajoy nella bufera

Lettura in corso:

Rabbia in piazza, nervosismo in Parlamento. Rajoy nella bufera

Dimensioni di testo Aa Aa

Nervosismo nel partito e rabbia in piazza. La Spagna trema dopo le accuse al premier Rajoy, di aver intascato finanziamenti illeciti.

Le smentite del Partito Popolare spagnolo non arrestano il terremoto politico che si sta abbattendo sul premier Rajoy.

Rilanciata da nuovi elementi che proverebbero un suo diretto coinvolgimento in un giro di finanziamenti illeciti, l’onda lunga del caso Barcenas sta mettendo a dura prova credibilità del governo e pazienza dei cittadini.

“Il PP è ormai sinonimo di corruzione – riassumeva martedì una manifestante, davanti alla sede dei Popolari di Rajoy.

A puntare il dito contro il premier, titolano El Pais e altri quotidiani, sono proprio le carte di Barcenas.

Dietro alla smentita ufficiale confidata ai media, il nervosismo sembra però aprire crepe e seminar dubbi in seno al partito.

Allo sfuggente no comment di molti, altri replicano dicendosi pronti a mettere la mano sul fuoco per Rajoy.

Un totale di circa 25.000 euro, quanto l’oggi premier avrebbe intascato durante il governo Aznar, secondo le carte pubblicate dal quotidiano di destra El Mundo.

Registri in cui lo stesso Barcenas, l’ex tesoriere del partito oggi in carcere, ha riconosciuto la propria grafia.

Allo scandalo negli scorsi mesi sollevato dal quotidiano El Pais, Rajoy ha sempre risposto negando. Ma i registri del Mundo potrebbero ora imprimere un’accelerazione a inchiesta giudiziaria e terremoto politico.