ULTIM'ORA

ULTIM'ORA

L'epopea di Wikileaks in un documentario

Lettura in corso:

L'epopea di Wikileaks in un documentario

Dimensioni di testo Aa Aa

Esce il primo film ducumentario su Julian Assange e l’epopea di Wikileaks. È ‘Rubiamo segreti, la storia di Wikileaks’ del regista premio Oscar Alex Gibney.

Un’epopea che è già storia: l’organizzazione di Assange salì di colpo alla ribalta mondiale con la pubblicazione di circa 400mila documenti classificati riguardanti la guerra in Iraq, mettendo gli Stati uniti in imbarazzo.

Alex Gibney spiega:

“Wikileaks aggiunge una meravigliosa storia al filone ‘David contro Golia’. È l’idea che un paio di tipi con i computer portatili infilati negli zaini possano fare qualcosa di enorme, possano improvvisamente raccogliere dei segreti e poi pubblicarli. Penso che sia fantastico il fatto che pochi individui riescano in una tale impresa in barba a potenti governi e corporazioni che ci sorvegliano in continuazione. Sono persone pronte a battersi”.

Il documentario segue l’attivista ed editore australiano dagli inizi di WikiLeaks fino all’apoteosi delle rivelazioni sull’Iraq, affrontando anche il tema scottante delle frizioni e della frattura consumata con alcuni dei suoi sostenitori più fedeli:

“Il film traccia un ritratto complesso di quest’uomo – dice il regista – Da una parte c‘è l’idealismo e dall’altra quello che un suo collaboratore ha definito la ‘corruzione da nobile causa’. Abbiamo cercato in maniera angosciosa il tono giusto, abbiamo parlato con un sacco di gente. Gente che lo ama e altri a cui Assange piace molto poco.”

Assange verrà ricordato come il ‘capostipite degli informatori’, dopo di lui, Snowden, che ha di nuovo ed è di nuovo alla ribalta in seguito al caso Snowden. Negli Stati uniti l’uscita di ‘Rubiamo segreti’ si è limitata al festival di Sundance e ad alcune sale. Adesso il film arriva in Europa, dove avrà senz’altro modo di incontrare un pubblico più numeroso.