ULTIM'ORA

ULTIM'ORA

Gran Bretagna, al via la privatizzazione di Royal Mail

Lettura in corso:

Gran Bretagna, al via la privatizzazione di Royal Mail

Dimensioni di testo Aa Aa

Il governo britannico ha lanciato questo mercoledì il piano dettagliato per la privatizzazione di Royal Mail, il quasi cinquecentenario servizio postale del Regno Unito.

Chissà cosa direbbe Enrico VIII, che nel 1516 ne ordinò la creazione. Per decenni l’azienda ha garantito consegne a 29 milioni di indirizzi, secondo la formula “un solo prezzo, in tutto il Paese, sei giorni la settimana”.

Gli ultimi 12 anni sono stati duri, con la concorrenza degli operatori privati e di Internet, durante i quali 50 mila persone sono rimaste a casa.

Il colpo di grazia è arrivato dalle politiche di austerity inaugurate dal governo: scuole e ospedali vengono prima per l’interesse pubblico e a Royal Mail tocca tentar fortuna nel privato.

Entro 9 mesi farà il suo ingresso in borsa, in quella che già viene considerata la più grande privatizzazione dai tempi della quotazione delle ferrovia.

Contrari i sindacati, nonostante la decisione di distribuire il 10% delle azioni ai dipendenti. Il valore di capitalizzazione dovrebbe comunque attestarsi a quasi tre miliardi di euro.

Presto, dunque, scopriremo chi, tra pubblico e privato, garantisce un servizio di consegne migliore.