ULTIM'ORA

ULTIM'ORA

Gezi Park: apre ma subito richiude per timore di nuovi scontri

Lettura in corso:

Gezi Park: apre ma subito richiude per timore di nuovi scontri

Dimensioni di testo Aa Aa

Istanbul rivive in queste ore l’incubo dello scorso mese. Gezi Park, il simbolo della rivolta antigovernativa turca, è stato sgombrato ancora una volta.

La polizia ha usato gli stessi metodi, cannoni ad acqua e gas lacrimogeni, per disperdere la folla che tentava di forzare il blocco imposto dalle autorità di fronte all’entrata del parco.

Eppure proprio questa mattina Gezi Park, dopo 23 giorni, era stato riaperto ufficialmente.
“Siamo tornati nel parco perchè era stato riaperto – dice una manifestante – ma dopo mezz’ora che eravamo qui ci hanno detto che sarebbe stato chiuso di nuovo. Sembra che il governo ci stia prendendo in giro”.

Era stato proprio il governatore di Istanbul ad annunciare poche ore prima la riapertura del parco, avvertendo però che sarebbe stato vietato ogni tipo di raduno:
“Senza una richiesta ufficiale al governo non autorizzeremo nessuno ad accupare i luoghi pubblici e non permetteremo che Gezi Park sia bloccato da manifestazioni che mettono in pericolo la sicurezza”, aveva detto Huseyin Avni Mutlu.

E infatti, poche ore dopo, l’annuncio che nuove manifestazioni sarebbero state organizzate in serata ha riacceso i timori di altri scontri e altre violenze, spingendo le autorità a bloccare ancora una volta l’entrata al parco.