ULTIM'ORA

ULTIM'ORA

Grecia-Troika, tre giorni per trovare l'accordo

Lettura in corso:

Grecia-Troika, tre giorni per trovare l'accordo

Dimensioni di testo Aa Aa

Tre giorni di tempo. È quanto resta alla Grecia per convincere i creditori che le riforme imposte secondo il piano di salvataggio internazionale da 240 miliardi di euro sono in dirittura d’arrivo.

La Commissione europea ha smentito qualsiasi tipo di ultimatum. Ma rimane un dato di fatto: lunedì prossimo si riunisce l’Eurogruppo ed entro questo venerdì i suoi rappresentanti insieme a quelli della Banca centrale europea e del Fondo monetario internazionale dovranno stilare il loro rapporto.

In ballo c‘è il via libera alla prossima tranche di aiuti da 8 miliardi di euro e i dossier aperti sono ancora tanti, nonostante i miglioramenti identificati dagli analisti.

“Hanno fatto incredibili progressi in termini di gestione del deficit di bilancio”, sostiene Henk Potts di Barclays. Inoltre, l’economia sta diventando più competitiva, i costi nel mercato del lavoro sono scesi, e sappiamo anche che le entrate dal settore turistico continuano a salire. In effetti, potrebbero raggiungere livelli record nel corso dell’anno”.

Il governo, però, non ha ancora messo in mobilità oltre 12 mila dipendenti pubblici. La Troika, dal canto suo, vorrebbe alzare il limite degli esuberi nelle aziende oltre il 5%.

Poi ci sono i “buchi” da coprire: quello da 450 milioni di euro nel Fondo assicurativo per gli autonomi e quello da un miliardo e mezzo nel sistema sanitario.

Infine le tanto avversate imposte sulla casa e sull’attività dei ristoranti.

Ma Atene non ha davvero scelta: se i negoziati fallissero (già si parla di un rinvio a settembre) l’Fmi potrebbe addirittura ritirarsi dal salvataggio.