ULTIM'ORA

ULTIM'ORA

Snowden chiede asilo alla Russia

Lettura in corso:

Snowden chiede asilo alla Russia

Dimensioni di testo Aa Aa

Snowden chiede asilo a Mosca e Putin apre alla gola profonda del Datagate: “Se vuole resti, ma smetta di danneggiare gli americani”

Obama gli sguinzaglia l’FBI alle costole, Putin gli tende una mano e lui ricambia, chiedendo asilo alla Russia.

Traditore per Washington, eroe per buona parte dell’Europa “ferita” dal presunto spionaggio a stelle e strisce, dall’aeroporto moscovita di Sheremetyevo Snowden avrebbe secondo il console russo ufficializzato la sua richiesta.

Putin non sembra intanto dal canto aver più fretta di sbarazzarsene. “Non abbiamo mai consegnato nessuno”, lo rassicura.

E anzi, pare quasi invitarlo a prolungare il soggiorno. “Se vuole restare da noi – aggiunge – Snowden deve rispettare una sola condizione: smettere di arrecare danno ai nostri parner americani”.

Irritata dalle presunte cimici statunitensi, la politica europea risponde intanto in ordine sparso, moltiplicando le “offerte di asilo”.

In prima linea con la destra francese di Marine Le Pen anche i verdi tedeschi, che arrivano a candidare Snowden al Premio Sakharov per i diritti umani.

Dall’Ecuador, per ora, niente più che promesse. Stracciati gli accordi doganali con gli Stati Uniti, Quito ha poi subordinato l’esame della richiesta d’asilo all’arrivo di Snowden sul suo territorio.