ULTIM'ORA

ULTIM'ORA

Tour, per Moncoutié sarà lotta a due Froome-Contador

Lettura in corso:

Tour, per Moncoutié sarà lotta a due Froome-Contador

Dimensioni di testo Aa Aa

Comincia sabato da Porto Vecchio, in Corsica, la 100.a edizione del Tour de France. Dopo una vita passata in gruppo, abbiamo chiesto alcune impressioni sulla Grande Boucle all’ex professionista francese David Moncoutié, due vittorie di tappa al Tour e 4 volte miglior scalatore della Vuelta, chiamato ‘Mister Clean’ per la sua lotta al doping.

Euronews: Si è appena ritirato dopo 16 anni di carriera, dove ha partecipato a 11 Tour de France, terminandone 10. Quest’anno sarà l’edizione numero 100 della Grande Boucle. Chi sono i favoriti per la vittoria?

Moncoutié: “Penso che il favorito numero 1 sia Chris Froome, che quest’anno ha dimostrato le proprie qualità, vincendo il Giro del Delfinato. Il team Sky è molto forte e la scorsa stagione l’inglese avrebbe potuto conquistare il Tour. Ma non dimentichiamoci di Alberto Contador, che ha il profilo perfetto per le corse a tappe. Poi ci sono anche gli outsiders, come Evans, Valverde e Rodriguez. Ma credo che la sfida per la vittoria sarà tra Froome e Contador”.

E: Cosa cambierà l’assenza di Bradley Wiggins?

M: “Non molto. Il team Sky è molto forte e ha un leader capace. Penso che la squadra britannica e Froome, nonostante l’assenza di Wiggins, siano un’accoppiata vincente”.

E: Quale sarà la tappa chiave della corsa, che quest’anno prevede molte montagne nel percorso?

M: “E’ vero, ci sono molte vette da scalare, piu’ dello scorso anno. In compenso sono diminuiti i km a cronometro. Credo che la vittoria si giocherà nelle ultime tre tappe, quando i ciclisti scaleranno due volte l’Alpe d’Huez, Grand Bornand e Semnoz. Penso che non conosceremo il vincitore prima di queste montagne”.

Tre settimane di gara, 21 tappe, per complessivi 3.404 km, con arrivo previsto sugli Champs Elyseè di Parigi il prossimo 21 luglio. Froome e Contador sono pronti a giocarsi la tanto desiderata maglia gialla.