ULTIM'ORA

ULTIM'ORA

Madiba e Obama e le pagine della storia

Lettura in corso:

Madiba e Obama e le pagine della storia

Dimensioni di testo Aa Aa

Un leader universale, al di là di ogni frontiera.
Questo rappresenta Nelson Mandela, entrato nella storia con la forza della pace.
Superando gli ostacoli con una tenacia unica, la sua statura politica è diventata fonte di ispirazione.
La rivendica da sempre Barack Obama che giovedí parlando da Dakar ha ricordato gli incontri di tutti questi anni con l’ex presidente sudafricano.

“Ho avuto il privilegio di incontrare Madiba e di parlare con lui – ha detto Barack Obama – É un eroe e non credo di essere l’unico a pensarlo. Mandela è un eroe per il mondo intero”.

Madiba, come in lingua Xhosa il suo clan di provenienza lo chiama era entrato in carcere nel 1964 con l’accusa di tradimento. La condanna è spietata: ergastolo e lavori forzati. Viene rinchiuso nella prigione di massima sicurezza di Robben Island. Una struttura vecchia di duecento anni.
Barack Obama visita il carcere durante la sua visita in
Africa nel 2006, a quel tempo ancora senatore. Quando entra nella cella di Mandela, cala il silenzio.

La lotta contro l’apartheid, il regime segregazionista introdotto nel 1948 aveva spinto Barack Obama, ancora giovane studente a impegnarsi nella politica attiva a partire dal 1979-80.

Una battaglia per i diritti civili è cosí lontana e al tempo stesso cosí vicina tra il Sudafrica e gli Stati Uniti. Il movimento statunitense degli anni sessanta
crea un parallelismo tra le generazioni che lottano per un mondo nuovo, insieme ai militanti anti-apartheid.

Nel 1994 si compie un passo storico e inimmaginabile fino a pochi mesi prima. Nelson Mandela diventa il primo presidente nero del nuovo Sudafrica.
Il suo impegno ancora una volta è per la pace e la riconciliazione di un intero paese.

Dall’altra parte del pianeta anche Barack Obama scrive una pagina di storia, quando nel 2009 assume
la presidenza. Per gli Stati Uniti una rivoluzione profonda, anche qui impensabile fino a poco tempo prima.

Tra i due uomini altro elemento comune è l’assegnazione del Premio Nobel. Per Obama il
riconoscimento arriva all’inizio della presidenza, mentre Madiba parla il percorso di tutta una vita di lotta per la pace e la giustizia.