ULTIM'ORA

ULTIM'ORA

L'informatica per la gestione dei grandi eventi

Lettura in corso:

L'informatica per la gestione dei grandi eventi

Dimensioni di testo Aa Aa

Grandi eventi, come i concerti, comportano dei rischi. Se organizzati in luoghi poco adatti possono avere conseguenze fatali, come successo tre anni fa durante la Love Parade di Duisburg, in Germania. Ventuno persone persero la vita nel tentativo di fuggire, più di 500 rimasero ferite.

Centinaia di persone affollano la Fiera di Dusserldorf per un esperimento scientifico. Il progetto Basigo punta a migliorare la sicurezza degli eventi di massa, rafforzando la comprensione dei flussi e coordinando meglio le persone che gestiscono tali eventi, attraverso strumenti informatici.

“Per le automobili esistono le regole del traffico, ci sono incroci, piste e semafori, una forma di regolamentazione”, afferma Armin Seyfried,direttore dell’esperimento. “Per i pedoni non esiste. Abbiamo imparato che in realtà possiamo applicare queste regole anche agli incroci pedonali. La domanda è: quanto deve essere ampia una struttura per accogliere un certo numero di persone? Queste cifre sono state poco esplorate in letteratuera, specialmente per quanto riguarda gli incroci complessi. Abbiamo individuato tali cifre negli esperimenti”.

I 1400 partecipanti hanno indossato cappellini bianchi, dotati di un codice che il computer può leggere, in modo tale da tracciare ogni singolo percorso. I dati rilevati vengono comparati con osservazioni sistematiche dei flussi di visitatori, per identificare le situazioni critiche.

“Sono stata a numerosi festival e concerti e per questo già so come ci si sente tra la folla”, racconta una ragazza che ha partecipato all’esperimento. “E’ stato interessante sperimentarlo in condizioni controllate. Sapevamo che qui non avremmo rischiato nulla, ma è stato impressionante vedere quante persone possono ritrovarsi assieme in uno spazio piccolo”.

Il governo federale tedesco sostiene il progetto Basigo, realizzato dall’Università di Wuppertal, con cinque milioni e mezzo di euro, per creare uno strumento di pianificazione informatico dei grandi eventi.