ULTIM'ORA

ULTIM'ORA

Datagate, UE pretende chiarimenti da Londra

Lettura in corso:

Datagate, UE pretende chiarimenti da Londra

Dimensioni di testo Aa Aa

L’Unione europea si unisce alla Germania nel chiedere a Londra chiarimenti sul programma per intercettare i collegamenti via cavo su cui viaggiano dati internet e telefonate.

La vicepresidente della
Commissione europea Viviane Reding esige ‘‘una risposta entro la fine della settimana’‘.

Il ministro della giustizia tedesco, Sabine Leutheusser-Scharrenberger, ha tuonato: “Le accuse mostrano che il governo tedesco deve fare tutto quello che può per chiarire velocemente e completamente ogni questione aperta su Prism e Tempora. Tre righe non sono abbastanza. Le lettere ai miei colleghi non hanno ancora avuto risposte. Il governo britannico deve dare queste risposte.”

La Germania chiede tra l’altro su quali fondamenti legali si basi il programma, ma per ora il governo britannico non intende fornire a Berlino alcuna informazione.

Un esperto della polizia tedesca, Tobias Eggendorfer, spiega: “Il trasferimento dei dati è un po’ come l’attività delle poste. Spediamo pacchetti di dati su internet che passano da varie stazioni. Ma a differenza di un pacco alla posta, il nostro pacchetto di dati è aperto. Tutti possono guardarci dentro. E se un servizio segreto si mette tra queste stazioni può guardarci dentro.”

Nonostante le polemiche, Londra non intende ridimensionare l’agenzia GCHQ al centro dello scandalo, anzi prevede di aumentarle i fondi.