ULTIM'ORA

ULTIM'ORA

Nozze gay, storica sentenza negli Stati Uniti

Lettura in corso:

Nozze gay, storica sentenza negli Stati Uniti

Dimensioni di testo Aa Aa

E’ una sentenza che passerà alla storia quella emanata dalla Corte suprema degli Stati Uniti. Una sentenza che spiana la strada ai matrimoni gay.

Con cinque voti a favore e quattro contrari i giudici hanno bocciato la legge che metteva al bando le nozze omosessuali, la cosidetta DOMA, definendola incostituzionale perché viola il quinto emendamento sulla difesa delle libertà individuali. Sono riconosciuti così ai coniugi dello stesso sesso gli stessi diritti federali di cui godono moglie e marito.

“E’ un giorno fantastico per l’America. Abbiamo fatto un passo importante per mantenere la promessa espressa nella nostra Costituzione e nella nostra Dichiarazione di Indipendenza, e cioè che tutti gli uomini sono uguali e hanno lo stesso diritto alla vita, alla libertà e alla ricerca della felicità”, così ha dichiarato l’avvocato David Boies commentando una seconda sentenza. La Corte suprema della California ha infatti deciso di non esprimersi sulla legge che vieta dal 2008 il matrimonio tra omosessuali.

“Siamo molto delusi per il fatto che la Corte di non si sia pronunciata ma soddisfatti che la legge rimanga in vigore in California”, ha detto l’avvocato Austin Nimocks.

Di fatto la non decisione è considerata un ulteriore passo verso l’uguaglianza perchè presuppone che i sostenitori della legge che vieta i matrimoni gay non abbiano i requisiti legali per chiedere la sua difesa davanti alla Corte Suprema.

Fuori dalla Corte, la gioia del movimento omosessuale:
“Oggi posso finalmente guardare l’uomo che amo e chiedergli vuoi sposarmi?”.