ULTIM'ORA

ULTIM'ORA

Fermare la caccia alle balene, l'Australia fa causa al Giappone

Lettura in corso:

Fermare la caccia alle balene, l'Australia fa causa al Giappone

Dimensioni di testo Aa Aa

Mettere fine alla caccia alle balene condotta nei mari dell’Antartico. E’ questo l’obbiettivo della causa intentata dall’Australia e sostenuta dalla Nuova Zelanda nei confronti dal Giappone.

La prima udienza si è tenuta davanti alla Corte internazionale di giustizia dell’Aia e si prevede che il processo andrà avanti molti mesi. Il Giappone dal canto suo sostiene che la caccia ha fini unicamente scientifici e che la vendita della carne è perfettamente legale.

Ma le associazioni ambientaliste sono tutt’altro che d’accordo: “Ovviamente speriamo che la Corte decida in favore della legge e dei trattati in vigore che prevedono il divieto di caccia alle balene entro i confini del cosidetto Santuario delle balene nell’Antartico e all’interno della zona commerciale australiana, e il divieto di uccidere le balene che rientrano nella lista delle specie in via d’estinzione”, dice Geert Vons di Sea Shepherd.

Ogni estate il Giappone uccide centinaia di balene nei mari del sud nonostante abbia accettato la moratoria imposta dalla convenzione internazionale del 1986. Secondo l’Australia la caccia viene condotta in una scala che supera di gran lunga le regole. Al contrario, il Giappone sostiene che la sua caccia è assolutamente sostenibile.