ULTIM'ORA

ULTIM'ORA

Turchia: ancora scontri

Lettura in corso:

Turchia: ancora scontri

Dimensioni di testo Aa Aa

Nuovi scontri a Istanbul e Ankara, dopo qualche giorno di calma. Le forze dell’ordine turche hanno disperso migliaia di manifestanti, tornati in piazza Taksim.

I contestatori, che chiedevano le dimissioni di Recep Tayyip Erdogan, sono stati respinti nel giro di qualche ora dalla polizia antisommossa, intervenuta con cannoni ad acqua e, nelle vie adiacenti, con lacrimogeni e proiettili di gomma.

Una scena simile si è verificata in due quartieri di Ankara.

Intanto il premier, parlando davanti a 15 mila sostenitori, ha puntato il dito contro i manifestanti: “Hanno macchiato l’immagine della Turchia, oscurato il ruolo internazionale del Paese. E ora stanno tentando di fare la stessa cosa in Brasile. I simboli sono gli stessi, i manifesti sono gli stessi, Twitter, Facebook sono gli stessi, i media internazionali sono gli stessi. Tutto è gestito dallo stesso centro”.

Il premier si trovava nella località di Samsun. Era il suo quarto comizio dall’inizio delle proteste.