Skip to main content

Breaking News
  • Naufragato traghetto al largo delle coste della Corea del Sud con 476 persone a bordo. Almeno 1 morto
Brasile: un milione in piazza, violenze e saccheggi
| Condividere questo articolo
|

Si allarga la protesta in Brasile.
Sarebbero un milione le persone scese in piazza giovedì sera in oltre cento città per protestare contro la corruzione e le ingenti spese per i mondiali di calcio del 2014.

Le manifestazioni, in corso da due settimane e in gran parte pacifiche, sono degenerate in scontri, saccheggi e violenze da parte dei dimostranti e delle forze dell’ordine. Una persona è morta.

A Rio de Janeiro, un pulmino di una rete televisiva è stato dato
alle fiamme e cinque tra giornalisti e operatori sono rimasti lievemente feriti. La polizia ha caricato i manifestanti che lanciavano molotov contro il Comune.

“Chi è violento?” domanda un giovane. “La polizia, che lancia i gas. Ci sono persone che vivono qui, famiglie, bambini, anziani, e tutti stanno combattendo per i loro diritti. Non vogliamo altro che giustizia. Solo giustizia.”

Le proteste si sono moltiplicate dopo che, una settimana fa, a San Paolo, una piccola manifestazione era stata repressa dalla polizia. Le tensioni colpiscono il Paese mentre ospita la Confederations Cup di calcio e si prepara alla visita del Papa il mese prossimo, ai Mondiali del 2014 e alle Olimpiadi del 2016.

I dimostranti e hanno ottenuto la revoca degli aumenti dei biglietti d’autobus in varie città. Ma i loro obiettivi si sono nel frattempo ampliati.

Copyright © 2014 euronews

maggiori informazioni
| Condividere questo articolo
|

Login
Inserisci i dati di login

o Registrati

Hai dimenticato la password?