ULTIM'ORA

ULTIM'ORA

Cala in piazza, cresce nei sondaggi: metamorfosi dell'opposizione turca?

Lettura in corso:

Cala in piazza, cresce nei sondaggi: metamorfosi dell'opposizione turca?

Dimensioni di testo Aa Aa

Sembra sgonfiarsi proprio nel giorno dell’annunciato sciopero generale la protesta in Turchia.

Scoraggiata dalla minaccia governativa di far intervenire l’esercito, la risposta all’appello di una cordata di sindacati è stata accompagnata da sporadici scontri, soprattutto ad Ankara e Istanbul, dove le forze dell’ordine hanno bloccato gli accessi a piazza Taksim.

Una partecipazione al di sotto delle aspettative, in cui il premier Erdogan ha letto la conferma della sua analisi.

“Quelle a cui abbiamo assistito in Turchia negli ultimi giorni – ha detto – sono le proteste di una minoranza. Non c‘è alcun rapporto i movimenti di rivolta in Medio Oriente o in Nord Africa. Paesi che consideravamo amici, hanno in questa occasione dimostrato tutta la loro ipocrisia”.

Minoranze, nell’interpretazione del premier turco, che mentre gli alberi tornano a spuntare a Gezi Park, sembrano però sempre più gonfiare i ranghi dell’opposizione.

Il primo sondaggio realizzato dall’inizio delle proteste rivela un balzo del principale partito di centrosinistra dal 15% ad oltre il 22%.