ULTIM'ORA

ULTIM'ORA

Iran, Rohani promette di ripristinare orgoglio e benessere dei cittadini

Lettura in corso:

Iran, Rohani promette di ripristinare orgoglio e benessere dei cittadini

Dimensioni di testo Aa Aa

L’Iran torna a sperare, quattro anni dopo la repressione di stato che schiacciò ogni prospettiva riformista. L’exploit al primo turno di Hassan Rohani, il candidato meno vicino all’Ayatollah Khamenei, è stato accolto come una vittoria della moderazione contro i falchi dell’establishment e ha ristabilito fiducia nel processo democratico.

“Sono fiero che gli elettori mi abbiano ritenuto degno del privilegio di servire il paese”, ha detto il neo-eletto presidente, che ha riaffermato la propria volontà di mettersi subito al lavoro per ripristinare il benessere dei cittadini e per difendere l’orgoglio e gli interessi nazionali. “Avrò bisogno della cooperazione di tutti”, ha concluso, rivolgendosi ai sostenitori che hanno celebrato la sua vittoria in diverse città del paese.

Appoggiato da due ex presidenti riformisti come Rafsanjani e Khatami, Rohani era l’unico moderato in lizza, dopo il ritiro di Mohammad Reza Aref. Il suo vantaggio sugli altri candidati si è delineato fin dall’inizio dello spoglio.

“Sono contenta di questo risultato”, ha dichiarato un’elettrice di Teheran, convinta che a far convergere su Rohani i voti dei riformisti sia stata l’alleanza con Aref. “Mi auguro – ha quindi aggiunto – che sappia mantenere la promessa di riportare un po’ di buon senso nell’amministrazione di questo paese”.

Molti si aspettano un atteggiamento più cooperativo con l’Occidente, almeno per risolvere il contenzioso sul nucleare. Ma gli scettici fanno notare che sui dossier di primo piano sarà Khamenei ad avere l’ultima parola.