ULTIM'ORA

ULTIM'ORA

Attacco al gas Sarin in metro, a Lione esercitazione europea

Lettura in corso:

Attacco al gas Sarin in metro, a Lione esercitazione europea

Dimensioni di testo Aa Aa

Una bomba contenente gas sarin esplode nella metropolitana di Lione. Ma è solo un’esercitazione coordinata dall’Unione europea con il contributo di Francia, Italia, Belgio, Germania, Spagna e Portogallo.

Quattro le simulazioni di attentati terroristici alla quali hanno preso parte 700 persone, compresi cento militari. Presenti anche il ministro dell’Interno francese, Manuel Valls, e il Commissario europeo alle Crisi, Kristalina Georgieva.

“Le minacce chimiche, biologiche e nucleari hanno scarse probabilità di attuazione, ma rappresentanto disastri ad alto impatto – ha spiegato la Georgieva – Quando si verificano, gli effetti sono catastrofici non solo in termini di perdite di vite umane e di impatto sull’economia, ma anche in termini di impatto psicologico sulle nazioni, non solo una nazione”.

L’obiettivo di queste simulazioni è testare la capacità operativa nel gestire diversi attentati che scoppiano quasi simultaneamente in più luoghi e verificare le nuove tecniche di identificazione delle sostanze chimiche.

“Rendiamo concreto ed effettivo l’ideale di Europa che difendiamo – ha spiegato il ministro dell’Interno spagnolo Jorge Fernandez Dias – La solidarietà gioca un ruolo determinante”.

Per i feriti vengono disposti impianti di decontaminazione. Alla fine della giornata saranno 120 le persone contamninate dal gas sarin.

Sul posto arriva anche la polizia giudiziaria per atuare le procedure che porteranno all’apertura dell’inchiesta. Un test per valutare la capacità di coordinare i servizi regionali, nazionali ed europei.