ULTIM'ORA

ULTIM'ORA

Russia, approvata la legge che vieta "propaganda gay"

Lettura in corso:

Russia, approvata la legge che vieta "propaganda gay"

Dimensioni di testo Aa Aa

Sono stati 436 i voti a favore, un astenuto e nessun contrario. Maggioranza schiacciante alla Duma, la Camera bassa russa, per rendere definitivamente legge un provvedimento che in molti ritengono “anti gay” e che i parlamentari di Mosca si limitano a definire come norma creata per la salvaguardia dei minori.

Nel suo discorso, la deputata Elena Mizulina, del partito di opposizione Russia giusta, ha affermato che la norma “rende fuorilegge la diffusione di informazioni che hanno lo scopo di generare attitutidini sessuali non tradizionali tra i bambini, l’attrattività di relazioni sessuali non tradizionali, una percezione distorta di uguaglianza sociale tra relazioni sessuali tradizionali e non tradizionali”.

L’unica opposizione a questa legge si trova all’esterno del Parlamento, rappresentata dai movimenti di sostegno agli omosessuali.

“Ovviamente non sosterrò mai questa legge. Perché bandisce certi gruppi di persone. Questa legge divide le persone tra uguali e diseguali, le coppie dello stesso sesso finiscono nella categoria delle persone sbagliate” ha affermato una giovane attivista, davanti alla Duma.

La legge è stata modificata rispetto alla prima lettura di gennaio, sostituendo, tra l’altro, coppie “omosessuali” con “non tradizionali”. In cosa consistano le forme di propaganda non è del tutto chiaro, ma comportamenti riconosciuti come tali potranno costare multe che vanno dai 100-250 euro per singoli individui, con un inasprimento in caso la violazione sia effettuata tramite media, fino a 25.000 euro per le organizzazioni. Prevista anche l’espulsione dalla Russia per i cittadini stranieri.