ULTIM'ORA

ULTIM'ORA

Turchia. Erdogan: nostra pazienza ha un limite. Riesplode protesta

Lettura in corso:

Turchia. Erdogan: nostra pazienza ha un limite. Riesplode protesta

Dimensioni di testo Aa Aa

Erdogan contrattacca, con le parole e in piazza. E la protesta in Turchia riesplode. Il Primo Ministro turco ieri ha usato nuovamente toni duri nei confronti della protesta cominciata 10 giorni fa ad Istanbul: la nostra pazienza ha un limite, aveva detto. Poi l’annuncio di grandi manifestazioni in sostegno del governo islamico-conservatore.

“Sono davvero contenta” dice una sua sostenitrice ad Ankara. “Sono rimasta qui ad aspettare 3 ore. Ma non importa, posso aspettarne anche 24 per lui”.

Sia ad Ankara che ad Istanbul nuovi scontri sono scoppiati tra manifestanti e forze dell’ordine che hanno disperso le manifestazioni di protesta. Almeno due persone sono rimaste ferite.

“Il Premier deve capire che ci rende furenti quando ci chiama criminali e ubriachi” dice una residente di Istanbul. “Più i suoi discorsi sono violenti più la gente scenderà in strada a protestare. Se ad esempio oggi non avesse detto quel che ha detto io non sarei venuta qui a protestare”.

Il vasto movimento di protesta contro il governo innescatosi a partire da una manifestazione in difesa del Gezi Park, spazio verde nel centro di Istanbul, avanza alcune richieste: l’abbandono del piano urbanistico ad Istanbul e le dimissioni dei responsabili della repressione violenta delle manifestazioni pacifiche. Negli scontri sono morte in tutto 3 persone. Migliaia i feriti.