ULTIM'ORA

ULTIM'ORA

Ankara, scontri nella notte. Oggi Erdogan rientra da Tunisia

Lettura in corso:

Ankara, scontri nella notte. Oggi Erdogan rientra da Tunisia

Dimensioni di testo Aa Aa

Tre morti, oltre 3.000 feriti, una mobilitazione che continua da giorni ma il principale obiettivo della protesta, il Premier turco Recep Tayyip Erdogan, mantiene un distaccato silenzio, immerso nella visita nei Paesi del Maghreb.

Intanto nella capitale Ankara è trascorsa la sesta notte di proteste. Per lo più pacifiche, ma a tratti degenerate nuovamente in scontri con le forze dell’ordine che con i cannoni ad acqua hanno abbattuto le barricate e spento i roghi appiccati dai manifestanti.

Ieri una delegazione del movimento di protesta che punta il dito contro le derive islamico-autoritarie di Erdogan ha incontrato il Vice Premier Bulent Arinç, chiesto il rilascio dei manifestanti arrestati, lo stop all’uso dei lacrimogeni e soprattutto le dimissioni dei capi della polizia di Ankara ed Istanbul.

Nel tardo pomeriggio Erdogan rientrerà dalla Tunisia. Si vedrà allora quale posizione il governo assumerà, se e in che misura verrà aperto un dialogo con i manifestanti.